USD Albinia

LA SAGRA DELLA GASTRONOMIA MAREMMANA:
la cultura dei cibi nella tradizione 

Verso l'inizio degli anni settanta era esploso il “boom” del turismo ed in particolare nella pineta, che dal fiume Osa arriva fino al fiume Albegna, erano sorti una decina di campeggi che nel periodo estivo ospitavano numerosi villeggianti. I dirigenti di allora, che facevano tanti sacrifici, anche economici, per mandare avanti la squadra di calcio, ebbero l'idea geniale di organizzare una sagra paesana che facesse conoscere le prelibatezze della cucina maremmana e nel contempo potesse anche rimpinguare le “povere” casse dell'Unione Sportiva che dovevano sostenere il difficile compito di sostenere il finanziamento di tutte le attività del calcio, soprattutto quelle indirizzate ad educare e valorizzare questo sport nell'ambito del settore giovanile. Era il mese di agosto del 1972 quando con grande entusiasmo i dirigenti si misero di “buzzo buono” ed allestirono nei giardini dell'asilo parrocchiale uno stand gastronomico con una decina di tavoli e delle panche arrangiate alla meglio. Era nata così la prima sagra gastronomica della provincia di Grosseto.

I vecchi locali dello stand della Sagra della Gastronomia

Una delle prime edizioni della Sagra con lo stand all'interno dell'area dell'Asilo Parrocchiale

I turisti e gli stessi abitanti del paese facevano lunghe file per poter gustare le specialità della cucina ed i prodotti del territorio come l'olio, i vini, le carni, i formaggi, il pesce. E tutti gli anni, questi amanti della buona e genuina cucina tornano sempre più numerosi per ripercorrere quell'itinerario gastronomico divenuto ormai un vanto per tutti i sostenitori dei colori rosso-blu che con grande spirito di sacrificio offrono volontariamente e gratuitamente la loro opera per una ventina di giorni nel mese di agosto.

Dal 2003, grazie alla ferrea volontà della Dirigenza di rinnovare le strutture, la Sagra è stata spostata nei giardini adiacenti alla sede, vicino ai campi da tennis e di calcetto. Con uno sforzo veramente eccezionale e con l'aiuto dell'Amministrazione Comunale sono stati costruiti i locali della nuova Sede Sociale, i magazzini, il locale adibito a cucina e furono erette delle tenso-strutture con tavoli e panche nuove di zecca con il risultato di poter mettere a tavola contemporaneamente quasi cinquecento persone al coperto. Allo stesso tempo sono stati realizzati nuovi servizi igienici ed una pista circolare con palchetto per le serate danzanti. Effettivamente era stato fatto un grosso salto di qualità!

Una presentazione della prima squadra

Le nuove strutture dello Stand durante la presentazione della Prima Squadra

Per la circostanza è doveroso ringraziare molti privati, alcune ditte del paese che hanno prestato gratuitamente la mano d'opera e, a volte, anche acquistato i materiali necessari per realizzare le opere: senza il loro determinante contributo non saremmo riusciti a godere di questa bellissima struttura.

Vogliamo scoprire i piatti più richiesti? Per antipasto va molto forte l'insalata di mare prodotta dall'industria alimentare Copaim di Albinia. Quanto ai primi piatti particolarmente successo hanno  il risotto alla pescatora, i tortelli maremmani di pasta fresca e le penne all'arrabbiata condite con i pomodori dei nostri agricoltori ben valorizzati dalla Conserve Italia nel grande pomodorificio del nostro paese. La “spigola alla griglia” dei nostri allevamenti intorno alla laguna è il secondo piatto preferito. I dolci, infine, sono fatti di mani esperte di artigiani pasticcieri di Albinia e Fonteblanda. Il tutto è annaffiato dai nostri vini a denominazione di origine controllata: Parrina bianco,rosso e Rosato, Capalbio Rosso e Vermentino, Morellino di Scansano e Ansonica della Costa d'Argento.

Nel 2009 siamo arrivati ad organizzare la 38a Sagra orgogliosi per il successo che ha ottenuto in tutti questi anni e per la ricaduta positiva che ha avuto sui prodotti alimentari della nostra terra di Maremma.

La griglia, che passione!

I consiglieri Generosi e Amorevoli (ai lati) ed il DS Vaselli (al centro) "al pezzo"